mercoledì 15 agosto 2012

Cioccolato... mon amour!!!!
La ricetta (di cucina) che mi riesce sempre

Terza tappa della mia avventura con la Staffetta Di Blog in Blog! Ma cos'è "Di Blog in Blog" (si lo so, ma per contratto, ogni volta devo spiegare cos’è Di Blog In Blog! Augh!)?
Di BLOG in BLOG è una vera e propria staffetta tra blogger affini, ogni mese ci sarà un tema e si raccoglieranno le adesioni attraverso il gruppo organizzativo, il giorno 15 del mese usciranno tutti i post con in calce l'elenco degli altri blogger partecipanti. E per saperne di più, basta seguire i link alla pagina ufficiale Facebook e alla pagina del gruppo.

Questa terza mia partecipazione avrà come tema “La ricetta (di cucina) che mi riesce sempre”. E ovviamente, mica me ne potevo uscire con una ricetta veloce veloce, in un post veloce veloce. No. Rassegnatevi, il dono della sintesi non mi è stato elargito; quel giorno era disponibile solo la ricchezza e la sfiga. Ed io ho scelto un Kinder Bueno... 

Il tema mi è piaciuto subito. Tante cose mi sono frullate nella mente perché sono tanti i programmi di cucina - tra belli, meno belli, e assolutamente agghiaccianti - che ormai seguo. Ma, siccome sono un malato di Serie Tv  americane e inglesi (ma proprio tutte, sono uno di quelli che salterebbe un appuntamento importante perché c’è l’ultimo episodio di Lost o di Doctor Who) è stata proprio una serie dai toni favoleggianti, a metà strada tra Il favoloso mondo di Amélie e il Big Fish di Tim Burton a giungermi immediatamente alla mente. Ovvero Pushing Daisies. Un sogno di serie tv, prematuramente cancellata a causa dello sciopero degli sceneggiatori americani del 2007/2008. E la trama è presto detta. Così capirete il collegamento col tema di questo mese.

Il piccolo Ned, aveva 9 anni, 27 settimane, 6 giorni e 3 minuti quando scoprì per la prima volta di possedere un potere straordinario. Poteva riportare in vita i morti. Ma in una maniera del tutto sincera e innocente, tranquilli, senza zombie di mezzo. Stava giocando con il suo cane e migliore amico Digby, infatti, quando quest’ultimo venne investito ed ucciso da un camion in corsa; Ned avvicinatosi all’amico di una vita per poterlo accarezzare un’ultima volta, si accorse che col solo tocco di un dito poteva riportare in vita ciò che non aveva più vita. Ma questo infausto dono avrà delle regole. E Ned le scoprirà a caro prezzo.



Perché Ned poteva sì ridare la vita, ma a quella stessa persona la poteva ritogliere se solo l’avesse toccata un’altra volta; per di più, le persone riportate in vita avevano un lasso di tempo di 60 secondi per poter ritornare nel mondo dei morti dopo essere state toccate nuovamente da Ned, in caso contrario avrebbero continuato a vivere. Ma il fato avrebbe strappato la vita alla persona che, trascorso il minuto, si sarebbe trovata a loro più vicina. E se Ned dona e poi toglie la vita alla stessa persona, il tocco con lei non funzionerà più. Una sorta di legge di contrappasso il cui dovere è quello di riequilibrare la conta tra i vivi e i morti. Una vita, per un’altra vita.

Ned, imparò tutte queste regole a sue spese, quando inavvertitamente senza saperlo, riportò in vita la madre, la cui morte venne sostituita dal prossimo più vicino: il padre di Chuck, la bambina che Ned segretamente amava. E le ritorse la vita la sera stessa, col bacio della buonanotte. Quindi dopo i fatti di quella giornata Ned comprese i poteri del suo dono: "Primo tocco di nuovo la vita, secondo tocco la morte, per sempre".

Ned allora ha vissuto da solo per tutta la vita, con la sola compagnia del cane Digby (che non può mai più toccare, pena la morte definitiva) e catalizzerà questo suo dono in qualcosa di speciale e originale; Ned diventerà “un maniaco delle torte”. Infatti la storia compirà un balzo di 19 anni, 34 settimane, 1 giorno e 59 minuti in avanti, per mostrarci com'è adesso. Il giovane Ned è... il fabbrica-torte. Con lui le pesche non si anneriscono mai, nelle sue mani la frutta guasta ritorna matura con un sapore unico… a condizione che la tocchi una sola volta, perché se tocca una torta fatta con la frutta che lui ha “recuperato”, questa rimarcisce nuovamente. Questo è Pushing Daisies.

Con me le pesche invece fuggono, la frutta guasta è da buttare e la pasta frolla non mi riesce mai!!! Ho sempre cucinato (si dice arrangiato, idiota!), anzi il mio rapporto con la cucina nasce in tempi non sospetti, ma i dolci sono la mia passione. Quindi ad ogni possibilità ho sempre rubato ricette, provato, sperimentato. E di conseguenza mi sono avvicinato ai vari contenitori culinari che imperversano in tv: Il Club delle Cuoche (Alice e Arturo), La Prova del Cuoco (Rai1), Dolci di Casa (su Gambero Rosso), Le Mani in Pasta (Alice), Chef per Un Giorno (La7), Cucina con Ale (Real Time), Il Boss delle Torte (Real Time), Cuochi e Fiamme (La7), Master Chef (Cielo), Hell’s Kitchen (Cielo)….tutti quanti. Ma nonostante questo, diciamo che non sono ancora pronto a concorrere per il titolo di Top Chef dell’anno, ma è anche sicuro che se partecipassi a quella tristezza de La Prova del Cuoco, farei la mia porca figura – che più porca non si può.

Non vi partecipo solo per non essere poi in obbligo morale verso la società tutta e picchiare con una padella antiaderente, dal diametro di 30 cm e dal fondo spesso 2 cm, quella spocchiosa bimba dalla voce luciferina di Anna Moroni. Quindi tutti salvi e fortunatamente sempre grandi complimenti sono giunti dopo aver assaggiato i miei dolci…. e anche se poi andavano tutti al Pronto Soccorso di nascosto, per non ferire i miei sentimenti, questo non l’ho mai scoperto.




















Torta al cocco, Pan di spagna all’arancia, ciambella bicolore, muffin con gocce di cioccolato, tiramisù, profitterol….ogni volta è stato un successo. Ma io mi sono innamorato perdutamente di una sola. L’ho trovata per caso lo scorso Dicembre navigando su internet (ero a caccia di nuove ricette di dolci da fare a Natale), l’ho amata subito, e lei ha amato subito me: La Nutellotta!!!!



Non è una torta, ma una bomba ipocalorica di distruzione di massa, dove una fetta chiama l’altra….e un’altra….e un’altra ancora, finché ti accorgi di averla finita da solo e pensi che ti toccherà fare palestra per i prossimi 25 anni, per smaltire quelle 15000 calorie (a Natale, mentre gli altri mangiavano il Pan di Spagna all’arancia con farcitura di crema all’arancia, sempre fatto da me, io mi sono mangiato ¼ di Nutellotta!!! Ed ho goduto.)! È una sorta di torta Sacher, ma più casalinga e senza la marmellata di albicocche come farcitura. Molto facile da fare, forse classificata come difficoltà “media”, e che una volta assaggiata da una soddisfazione immediata. Poi ve lo dice uno che, appena viene a contatto col cioccolato diventa super iperattivo, quasi da sembrare posseduto (e vi giuro che qualcuno toglierebbe quel “quasi”).




Vi do la ricetta, curioso di conoscerne i vostri risultati…

NUTELLOTTA – ingredienti per uno stampo da 26 cm
250 gr di cioccolato fondente
100 gr di burro
100 ml di latte
100 gr di zucchero
4 uova
200 gr di farina per dolci
1 bustina di lievito per dolci


Procedimento per preparare la Nutellotta.
In una pentola sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Appena il cioccolato sarà sciolto, aggiungere il burro mescolando con decisione. Infine incorporare il latte a filo, mescolando fino a formare una crema liscia e abbastanza omogenea.
Lasciar raffreddare. Nel frattempo separare i tuorli dagli albumi. In una ciotola montare i tuorli creando una crema molto densa, e aggiungere lo zucchero solo dopo, continuando a montare il composto a lungo (ho scoperto che montandoli separatamente invece di insieme, come dettano molte ricette, il pan di spagna ne guadagna di molto). Dopo montare invece gli albumi (occhio a separarli molto bene dai tuorli!) con un pizzico di sale, in una boule molto fredda (valgono le stesse regole di quando si monta la panna, strumenti molto puliti e freddi, altrimenti è un patatrac!).
Nella ciotola con i tuorli, aggiungere il composto al cioccolato e far amalgamare molto bene il tutto. Aggiungere poi la farina setacciata, con il lievito. Poi, incorporare delicatamente gli albumi montati a neve.
Mescolare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.
Accendete adesso il forno, regolandolo a 180°, così gli darete il tempo di preriscaldarsi. Nel frattempo imburrare e poi infarinare lo stampo da 26 cm circa, e versare il composto al suo interno.
Lasciare in forno per 30/40 minuti (basatevi ad ogni modo col vostro forno che conoscete molto meglio di me), e sfornare il pan di spagna al cioccolato  capovolgendolo dandogli il tempo necessario per raffreddarsi.
Mica è finita qui, adesso bisogna preparare la farcia per la Nutellotta.

NUTELLOTTA Ingredienti per la farcia:
400 gr di nutella
250 gr di mascarpone
50 gr (o anche di più se preferite) di gocce di cioccolato
 
In una boule mescolate la nutella (se fatta in inverno, vi conviene ammorbidire prima quel mattone della nutella! Anche mettendola in un pentolino con dell’acqua bollente) col mascarpone, e amalgamare bene i due ingredienti a lungo.
Tagliate poi a metà il pan di spagna al cioccolato e farcitelo con i ¾ della crema (se non sono previsti dei cuccioli d’uomo tra i commensali, prima di stendere la farcia potete pure bagnare il disco sottostante con una bagna per dolci). Stendere poi lo strato di crema e levigarlo il più possibile. Ricoprire con l’altro disco di pan di spagna al cioccolato e stendere la restante farcia, per poi infine ricoprire con le gocce di cioccolato. Riporre la Nutellotta in frigo per almeno due ore (o anche di più, più si raffredda più diventa irresistibile), e non vi resta poi che tagliarla a fette e servirla!!!

Bon Appétit!!!! E adesso correte a leggere le ricette degli altri Blog che hanno partecipato alla staffetta di Agosto!

Casa Organizzata
Alessia scrap & craft
Palmy Learning is experience
La Diva delle Curve
Gina Barilla
Fofina Boudoir
Bimbiuniverse
Illustrando un sogno
Monica e lo Scrapbooking
Il Pampano
Il blog di MammaGabry
GocceD'aria
MadreCreativa
Vivere a piedi nudi
Cristina

Unamammaperdue
Aline Scipioni Forti
Idea Mamma
Ero Lucy
Essenza Burrosa
Supermamma
Diario magica avventura
Ostuni Magazine

Pattibum
Tulimami
Accidentaccio
Fiorievecchiepezze
Il caffè delle mamme
Mavie
Attività Creative per Bambini
La bussola e il diario
Priorità e Passioni
I Viaggi dei Rospi
Il mondo di Cì

Sono una Mamma non sono una Santa
Mammamiacosafaccio!?
Cri
StelleGemelle
Penso Invento Creo
Elegraf77
Verdeacqua
Bodò. Mamme con il jolly
Mamme fai da te
Debora
Ferengi in Addis

38 commenti:

  1. vedendo gli ingredienti penso che mi convenga non farla mai haha comunque vedo che hai fatto un sacco di belle torte complimenti e mi ha incuriosito molto la serie televisiva di cui parli anche perché Tim Burton è il mio regista preferito e Amélie il mio film preferito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai!!! Pushing Daisies vale una nuova fan!! Recuperala se puoi! Ciao!

      Elimina
  2. Praticamente irresistibile!!! ciao Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola! Grazie del commento e per aver perso ore per leggere il mio post-Bibbia!

      Elimina
  3. oh mamma sono caduta dalla sedia! è un sogno ( o un incubo) bella, ciao ILE

    RispondiElimina
  4. Gattaccio lo sai che ti odio vero?!?!?! Un'introduzione infinita per poi farmi vedere una torta che gronda nutella °__° Nutella nutella nutella nutella... ehm dicevo... Ti odio ma la torta sembra buonissima, quando me la prepari? :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la preparo quando vuoi! :) nu.tel.la!!!!

      Elimina
  5. o mamma mia O_O già la amo senza averla assaggiata!!!

    RispondiElimina
  6. La faccio anch'io, ma le ho dato un'altro nome:la bomba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche "torta di distruzione di massa" .....Atlantide si è estinta per colpa sua! :D

      Elimina
  7. Silvio tu sei matto... io adoro Tim Burton e la tua nutellotta! Ma tu sei matto lo stesso, tu non mi vuoi bene mettendomi sotto agli occhi una ricetta così!
    Non è vero... tu mi vuoi troppo bene, lo so, su questa ricetta c'è scritto il mio nome!

    RispondiElimina
  8. stavo per desistere dalla lettura... ma la ricompensa è stata grandiosa... nutella nutella nutella... una libidine assoluta e la tua torta moltiplica la goduria per 1000!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so, sono logorroico (ma ti svelo un segreto....quando sono ispirato, mi piace un casino scrivere! Ma non lo dire a nessuno!)

      Elimina
  9. Risposte
    1. Si, il giorno che ho trovato la ricetta, ho sancito la mia rovina...

      Elimina
  10. Credo di aver messo su qualche kilo solo guardando quella torta ... ma che divertimento leggerti e quanto dev'essere buona questa bomba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho mangiata....e i chili non solo li ho messi sù (nonostante fossi in periodo di dieta), ma si sono talmente affezionati a me, da aver preso residenza perpetua - e non richiesta - sul mio girovita!

      Elimina
  11. Maledetti ospiti indesiderati, almeno pagassero l'affitto!

    RispondiElimina
  12. Ommamma. La segno subito per quando sarò a buon punto con la dieta che ho ricominciato per smaltire altri 5 kg , spero gli ultimi (vado per obiettivi facili, già ho perso i primi 7). Me la concederò come premio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dieta....questa farabutta....leggi un pò il mio post su Naturhouse e basta che non dimentichi di fare la dieta col sorriso! :D

      Elimina
  13. Mamma mia che bomba! E che bontá deve essere!

    La serie mi ha incuriosita, chissà se la trovo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, se riesci a trovare gli episodi (son davvero pochini, una prima stagione di 9 episodi e una seconda di 13) recuperala appena hai tempo, 'Pushing Daisies' merita.......e magari la vedi mangiando una fetta della bomba! :D

      Elimina
  14. oDDIO che bomba, adoro la nutella e non posso che copiarti la ricetta e applicarla presto!Un delirio, un tripudio di gusto!ciao!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo e grazie di cuore per il commento!

      Elimina
  15. Wow! Appena recupero la linea perduta tra focacce, gelati e birre me la concedo sicuramente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La linea? Io conosco e riesco a tenere a bada solo quella del telefono...non ne conosco altre!!! :D

      Elimina
  16. Tre cose:
    - la tua torta è davvero una bomba, e una goduria :)
    - la serie televisiva la devo recuperare!
    - Tim Burton è uno dei miei registi preferiti
    Olè
    Non hai il dono della sintesi, no, ma leggerti è un piacere ;)
    Simo (Il Blog della Simo)

    RispondiElimina
  17. Adoro la nutella o per meglio dire la "mutella" come dicono le mie bimbe credo proprio che salverò il tuo bog nei miei preferiti e appena il caldo mi concederà di accendere il forno la proverò!

    RispondiElimina
  18. Non ho potuto fare proprio la nutellotta perchè mia figlia non può attualmente mangiare le nocciole, ma ho preso spunto per il pan di spagna.
    Finalmente ho trovato LA ricetta, è venuto buonissimo!!!
    Grazie e complimenti!

    RispondiElimina
  19. Per una torta così la dieta (la prima dieta della mia vita!) si deve infrangere!!! E' un piacere leggerti non si sa mai dove vai a parare!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...